Tag: people-photography

Il ritorno alla pellicola – Seconda parte

Tempo fa pubblicai un post contenente alcune foto scattate con la pellicola Ilford FP4, per provare una vecchia Olympus Superzoom 70 acquistata da un rigattiere di Trani. Oltre alla fotografia di paesaggio urbano, con vedute sia ampie sia minimali, provai a scattare qualche foto all’interno di una noto megastore.

In quella circostanza mi sono divertito a catturare la curiosità delle persone che si aggiravano tra gli scaffali, oppure che leggevano stando comodamente sedute.

Un rituale a cielo aperto

Le sagre e i mercati rionali, vale a dire i momenti e i luoghi dove il rapporto viscerale tra persone e cibo risplende di luce propria. Voci che richiamano l’attenzione, movimenti solenni delle mani: sembra un rituale a cielo aperto.

Entrata in scena

Ebbi da poco terminato di scattare le foto pubblicate nel post precedente, ma subito dopo essere salito in auto, rimasi qualche secondo incantato ad ammirare dallo specchietto retrovisore le persone che passeggiavano sul marciapiede del lungomare di Mola.

Notai dunque queste persone che apparivano da sinistra e scomparivano a destra dandomi l’illusione di una vera e propria entrata in scena. Che fossero da sole, in coppia o in gruppo, queste persone hanno interpretato se stesse con una certa espressività.

L’ultima foto della serie ritrae una signora che mi saluta con un cenno della mano, dato che si era accorta di me.

Mani dietro la schiena

A Novembre di due anni fa capitai a Mola di Bari perché volevo scattare qualche foto passeggiando tra il lungomare e il molo, quando ecco spuntare un soggetto interessante. Avete presente il classico vecchietto che passeggia con le mani incrociate dietro la schiena?

Per poter scattare indisturbato queste foto, mi dovetti fermare qualche metro più indietro, quanto è bastato per non essere notato e rischiare di rovinare la naturalezza della scena.

Foto di Capodanno

Se dovessi scegliere tra le mie foto un’immagine che esprima l’atmosfera di Capodanno, preferirei senz’altro questa. Scivoliamo a pelo d’acqua allontanandoci da un 2017 tutto sommato positivo e ci dirigiamo verso un 2018 inevitabilmente carico di aspettative.

Breve aneddoto su questa foto: correva il mese di Marzo ed è stata scattata dalla finestra di un bar a Polignano a Mare. Mentre stavo aspettando il cameriere per l’ordinazione, ho notato questa scena e per non perdere l’attimo, mi sono catapultato inginocchiandomi davanti alla finestra con la reflex tra lo stupore dei presenti.

Buon anno a tutti.

mare.surf.polignano

Sguardi – Il contest fotografico

Il 2017 è agli sgoccioli e com’è ormai mia abitudine da quando ho iniziato a prendere sul serio la mia passione per la fotografia, ho deciso di partecipare a un contest promosso dalla rivista Il Fotografo. Il genere da me scelto è la street photography e il mini portfolio che ho pubblicato sulla rivista Il Fotografo si intitola “Sguardi”.

Si tratta di sei fotografie che ritraggono altrettante storie di persone comuni, ognuna delle quali intenta a osservare qualcuno o qualcosa di imprecisato e generando una tensione emotiva che finisce per coinvolgerle tutte insieme. Se vi fa piacere, vi invito a cliccare su questo link e votare.

Grazie a tutti/e

Street photography: la gente che osserva

La mia street photography a volte si concentra sulla gente che osserva altra gente, oppure sulle persone completamente assorte a osservare qualcosa di imprecisato. Nel primo caso la scena di strada è completamente racchiusa entro l’inquadratura.

Nel secondo caso, invece, il soggetto rivolge la propria attenzione verso l’esterno dell’inquadratura, con l’effetto “sfondamento” che finisce per creare un’atmosfera sospesa, che spinge l’immaginazione a ipotizzare una soluzione.