Mese: dicembre 2017

Foto di Capodanno

Se dovessi scegliere tra le mie foto un’immagine che esprima l’atmosfera di Capodanno, preferirei senz’altro questa. Scivoliamo a pelo d’acqua allontanandoci da un 2017 tutto sommato positivo e ci dirigiamo verso un 2018 inevitabilmente carico di aspettative.

Breve aneddoto su questa foto: correva il mese di Marzo ed è stata scattata dalla finestra di un bar a Polignano a Mare. Mentre stavo aspettando il cameriere per l’ordinazione, ho notato questa scena e per non perdere l’attimo, mi sono catapultato inginocchiandomi davanti alla finestra con la reflex tra lo stupore dei presenti.

Buon anno a tutti.

mare.surf.polignano

Sguardi – Il contest fotografico

Il 2017 è agli sgoccioli e com’è ormai mia abitudine da quando ho iniziato a prendere sul serio la mia passione per la fotografia, ho deciso di partecipare a un contest promosso dalla rivista Il Fotografo. Il genere da me scelto è la street photography e il mini portfolio che ho pubblicato sulla rivista Il Fotografo si intitola “Sguardi”.

Si tratta di sei fotografie che ritraggono altrettante storie di persone comuni, ognuna delle quali intenta a osservare qualcuno o qualcosa di imprecisato e generando una tensione emotiva che finisce per coinvolgerle tutte insieme. Se vi fa piacere, vi invito a cliccare su questo link e votare.

Grazie a tutti/e

Only Chanel N° 5

Quando cammino per strada noto ogni particolare, sia che si trovi all’altezza dei miei occhi, sia se si trovi in alto o in basso. Sarà per via della curiosità, ma ci sono momenti in cui sono contento di questa mia tendenza a non farmi sfuggire nulla.

È il caso di questa foto scattata a una vecchia Renault 4 parcheggiata nelle vicinanze della mia auto. A tale proposito ho un piccolo aneddoto da raccontare: mentre stavo scattando la foto, mi sono accorto che dall’altro lato della strada c’era un ragazzo che aveva appena parcheggiato e che mi stava fissando, pensando forse di essere lui la preda della mia reflex.

chanel.n.5

Paesaggio urbano: i ruderi delle fabbriche

È da poco più di un anno che percorro chilometri a piedi e in auto, indagando il territorio in cui vivo munito di curiosità, occhi attenti e reflex per catturare l’essenza di ciò che vedo. Davanti ai ruderi delle fabbriche, imponenti e spettrali, ho iniziato a considerare il fallimento della società sotto un altro punto di vista.

Così come si emarginano le persone ritenute scomode o poco funzionali al sistema, così si lasciano marcire le aziende ritenute non più produttive: nessuna differenza tra umanità e meccanica.

fotografia.documentaria.fabbriche.abbandonate

Tre gatti affamati

Tra i momenti più divertenti che conserverò dell’inizio della mia nuova ricerca fotografica, c’è sicuramente quest’immagine. Se fosse possibile immaginare la simbiosi tra uomini e animali, io propenderei senza dubbio su questo gruppo di gatti randagi in attesa del pescato.

La foto è stata scattata a Ottobre dell’anno scorso sul molo del porto di Trani, popolato sin dalle prime luci dell’alba da pescatori pazienti e gatti affamati.

IMG_5178-01

 

Street photography: vecchi amici in bici

Ogni volta che vedo dei vecchietti chiacchierare stando in sella alla bici, oppure semplicemente portandola con sé camminando, sento il bisogno di scattar loro una foto. Queste due foto incorniciano due momenti diversi, ma ciò che ho voluto cogliere è il legame umano tra i protagonisti, pur rendendomi invisibile ai loro occhi nonostante i pochi passi che ci separavano.

L’artista di strada

Nei centri di molte città italiane ed estere è facile imbattersi in artisti di strada che propongono il loro repertorio. Alcuni di loro sono dotati di talento, poi ci sono quelli che ormai riconosci a prima vista.

Un look e una chitarra inconfondibili che praticamente ho incrociato negli ultimi dieci anni (o forse di più) per le strade della mia città, Bari. L’ho visto suonare con chiunque, l’ho sentito affinare un tocco che è diventato il suo marchio di fabbrica, infine l’ho visto invecchiare.

artista.di.strada.bari